Luogo Evento

BICCARI (FG)
Piazza Duomo

Data - Ora

26 GIUGNO 2021
19:00
BICCARI (FG)

Il borgo autentico di Biccari sorge sul territorio del Subappennino Dauno, in provincia di Foggia: con i suoi 2.800 abitanti e la sua posizione collinare, gode di un bellissimo paesaggio che si estende tra boschi e aree naturali. 

La Storia

Il nome di Biccari compare per la prima volta in un documento che risale alla metà del IX secolo e sembra derivare dal latino “vicus”, “Bicchiere” o “Vicchiere”. Il territorio, anticamente abitato dai Dauni, venne colonizzato prima dai Romani e poi da molte dominazioni, tra cui quella bizantina, longobarda e normanna. Fu però sotto gli Svevi, in particolare durante il regno di Federico II, che il Borgo visse un periodo di sviluppo e splendore, durante il quale, per difendersi dagli attacchi esterni, furono costruite molte fortificazioni. Dopo la caduta degli Svevi, Biccari passò agli Angioini, agli Aragonesi e agli Spagnoli, ai quali succedettero gli Austriaci e, infine, i Borboni.

Da vedere

Edifici di un notevole interesse storico e culturale caratterizzano il borgo di Biccari: Palazzo Caracciolo, Palazzo Goffredo, la torre bizantina e il portale medievale di Palazzo Gallo. Tra i simboli della fede religiosa da citare sono la Chiesa romano-gotica di San Quirico, risalente al XV sec., la Chiesa dell’Assunta, il Convento di Sant’Antonio (1477) e la Croce Viaria di Porta Pozzi (1473. Da non dimenticare le masserie fortificate di Santa Maria ed Imporchia. L’aspetto naturalistico rappresenta uno dei fiori all’occhiello di Biccari. L’area naturale lago Pescara – monte Cornacchia – bosco Della Cerasa è attrezzata con zone pic-nic, maneggi, punti ristoro, alberghi e altre strutture che permettono di fruirne immergendosi totalmente nel relax e nella bellezza della natura di questa zona della Puglia. La montagna è la protagonista assoluta dell’area e spicca il monte Cornacchia, la vetta più alta della regione, ma da vedere sono anche i boschi dove ancora oggi si può trovare il tartufo tipico del posto, lo Scorzone.

Fonte: www.borghiautenticiditalia.it